Riesenschnauzer

(Schnauzer Gigante)

4 su 5
4 su 5
5su 5
4 su 5
4 su 5
4 su 5
4 su 5

Il Riesenschnauzer è un cane elegante, fiero e che incute rispetto. Risulta equilibrato e riflessivo.

Carattere:

Le caratteristiche tipiche del Riesenschnauzer sono il suo carattere buono, equilibrato, e l’incorruttibile fedeltà al suo padrone.

Caratteristiche

  • Cane di utilità e di compagnia
  • Grande
  • 12 - 15 anni
  • 9-10 mesi
  • 60 cm - 70 cm
  • 60 cm - 70 cm
  • 35 kg - 47 kg
  • 35 kg - 47 kg
Aspetto generale

Lo Riesenschnauzer è grande, forte, più raccolto che slanciato, dal pelo duro.

PROPORZIONI IMPORTANTI

• Cane inscrivibile in un quadrato, in cui l’altezza. al garrese è quasi uguale alla lunghezza del corpo

• La lunghezza della testa (misurata dalla punta del tartufo all’occipite) corrisponde alla metà della lunghezza della linea superiore (misurata dal garrese

all’inserzione della coda)

Testa e collo
  • Il cranio è forte e allungato con testa proporzionata al cane. La fronte è piatta con stop molto accentuato.
  • Il muso, che termina a forma di cono smussato, ha canna nasale diritta con tartufo sviluppato e di colore nero. Le labbra sono aderenti e ferme.
  • La mascella, forte, ha dentatura con chiusura a forbice.
  • Gli occhi, mediamente grandi, hanno forma ovale e sono di colore scuro.
  • Le orecchie, pendenti e ripiegate, sono inserite alte ed hanno forma a V.
  • Il collo ha nuca muscolosa e robusta e si fonde nel garrese.
Tronco e coda
  • Il corpo ha linea superiore leggermente discendente con dorso solido e rene corto ed alto. Il torace è moderatamente ampio e di sezione ovale, arriva al gomito.
  • La coda viene portata a sciabola o a falcetto.
Arti

Gli arti anteriori sono forti e diritti con scapola strettamente aderente alla parete toracica. Il braccio, aderente al corpo, è forte e muscoloso. I gomiti sono aderenti. I piedi anteriori, da gatto, sono corti e rotondi con dita compatte ed arcuate.

Gli arti posteriori, hanno coscia moderatamente lunga ed ampia con ginocchio non deviato in fuori né in dentro e garretto molto angolato. I piedi posteriori sono simili a quelli anteriori.

Arti

Il pelo del Riesenschnauzer deve essere duro ( a fil di ferro), e ben folto. Consistente di un fitto sottopelo e di un pelo esterno mai troppo corto, duro e aderente al corpo. Il pelo di copertura è rude, sufficientemente lungo da permettere l’esame della sua tessitura. Non è crespo né ondulato. 

Arti

Il manto del Riesenschnauzer può essere monocolore nero o pepe e sale.

Cenni storici :

Originariamente lo Schnauzer Gigante era utilizzato nella Germania del Sud come cane conduttore di bestiame. Verso l’ inizio del XX secolo, allevatori attenti si resero conto che questo cane aveva evidenti doti per il lavoro e che possedeva attitudini caratteriali molto valide. Iscritto in un libro delle origini dal 1913, già nel 1925 era riconosciuto come cane da lavoro. 

Stile di vita :

Lo Schnauzer svolge il suo compito da solo poiché in possesso di una spiccata individualità. 

Patologie :

Lo Schnauzer non sembra essere affetto da una patologia in particolare.

Curiosità :

La traduzione letterale del termine Schnauzer corrisponde al termine italiano mustacchi, ed è il modo con cui venivano chiamati i "baffi" in Baviera.

Andatura :

L’andatura del Riesenschnauzer è elastica, elegante, morbida, sciolta e ricopre molto terreno. Gli arti anteriori hanno il massimo allungo e i posteriori procurano la spinta necessaria con gran passi elastici. L’arto anteriore di un lato e il posteriore dell’altro lato, muovono in avanti allo stesso tempo. Il dorso, le articolazioni e i legamenti sono fermi.

Padrone ideale :

Il padrone ideale del  Riesenschnauzer deve tenere presente che in questa razza la difesa è peculiarità innata, la quale con l'addestramento viene solo potenziata e indirizzata. È per questo che bisogna distinguere tra difesa istintiva e difesa a comando. La prima infatti è una reazione spontanea dell'animale contro chi può rivelarsi una minaccia nei confronti del padrone o degli affetti. La seconda invece è il risultato di un buon addestramento e di una forte intesa tra cane e padrone. È importante a tal proposito che il cane fin da cucciolo stia a stretto contatto con il padrone, e che sia proprio quest'ultimo a seguire il successivo addestramento, accompagnato ovviamente da un esperto.

Varianti della razza

Devi effettuare il login per visualizzare questa sezione.