Cane corso


4 su 5
3 su 5
4su 5
4 su 5
4 su 5
4 su 5
4 su 5

Il cane corso è una delle razze più antiche. Di origine Italiana, oggigiorno lo si ritova solo in alcune regioni. Docile, affettoso, facilmente addestrabile è un esempio di lealtà.

Carattere:

Intelligente, energico ed equilibrato, apprende con facilità. Docile ed affettuoso con il padrone, e tutti i componenti della famiglia ma se necessario difende con efficacia il suo territorio e i suoi cari.

Caratteristiche

  • Cane da guardia, cane da difesa, cane poliziotto, cane da pista.
  • Gigante
  • 10 anni
  • 12-18 mesi
  • 64 cm - 68 cm
  • 58 cm - 66 cm
  • 45 kg - 50 kg
  • 40 kg - 45 kg
Aspetto generale
La struttura è forte e vigorosa, pur restando elegante, agile e resistente. La conformazione generale è mesomorfa, dove il tronco è più lungo dell’altezza al garrese.
Testa e collo
  • La testa, brachicefala, è moderatamente scolpita, con zigomi protesi all’esterno e fossa frontale profonda con solco mediano ben visibile.
  • Il muso è molto largo e profondo. Il profilo laterale e quello inferiore sono disegnati dalle labbra superiori. Queste si presentano pendenti, piuttosto consistenti, pigmentate di nero e, viste di fronte, determinano un disegno ad “U” rovesciata.
  • Le mascelle sono larghe, robuste e spesse. Presentano un lievissimo raccorciamento della mascella superiore con conseguente leggero prognatismo.
  • Il tartufo è pigmentato di nero, voluminoso, con narici ampie, aperte e mobili. La canna nasale è rettilinea e piuttosto piatta.
  • Gli occhi, con iride scura, sono di media grandezza, ben distanziati tra loro, ovaleggianti e leggermente affioranti. Le palpebre hanno margini pigmentati di nero e non devono lasciare scorgere la sclera.
  • Le orecchie sono di media grandezza inserite alte con una larga base e sono ricoperte di pelo raso. Vengono spesso amputate a forma di triangolo equilatero. Al naturale sono triangolari, pendenti, aderenti alle guance, non raggiungono la gola.
  • Il collo si distacca marcatamente dall nuca. E' lungo quanto la testa, muscoloso e leggermente convessilineo dorsalmente.




Tronco e coda
  • Il corpo è compatto, robusto e molto muscoloso. Il garrese supera il livello della groppa che si presenta larga, rotondeggiante e lievemente inclinata.
  • Il petto è ampio, ben disceso con muscoli pettorali molto sviluppati e proteso in avanti.
  • Il torace è ben sviluppato nelle tre dimensioni.
  • Il ventre non è né retratto né rilassato e il suo profilo disegna una dolce curva.
  • La coda è inserita piuttosto alta, grossa alla radice e relativamente affusolata alla punta. A riposo è portata bassa, in azione è posta poco più alta del dorso, non deve essere mai incurvata ad anello o alzata a candela. Usualmente viene amputata a livello della IV vertebra coccigea.
Arti
Tutti e quattro gli arti presentano appiombi regolari sia osservati di profilo che di fronte, e sono ben proporzionati al formato del cane, forti e robusti con arti posteriori particolarmente potenti e muscolosi.
Il piede anteriore è di forma rotonda, con dita molto arcuate e raccolte (piede di gatto), mentre il posteriore è leggermente più ovaleggiante e le falangi sono meno arcuate.
I cuscinetti plantari e digitali devono essere ben pigmentati.
Arti
In questa razza si presenta corto ma non raso, lucido, aderente, molto denso, con un lieve strato di sottopelo che si accentua d’inverno.

Arti
I colori consentiti sono il nero, il grigio piombo, l' ardesia, il grigio chiaro, il fulvo nelle varie gradazioni e il tigrato su fondo fulvo o su fondo grigio.
Nei soggetti fulvi e tigrati è presente una mascherina nera o grigia la cui estensione è limitata al muso e non deve superare la linea degli occhi.
E' ammessa una piccola chiazza bianca al petto, alla punta dei piedi e sulla canna nasale.

Cenni storici :

Discendente diretto dell’antico molosso romano (Canis pugnax) impiegato come cane da guerra e da caccia. Nei secoli conobbe un ampia diffusione in tutta Italia e veniva fortemente usato anche come cane da guardia, cane da difesa personale e cane pastore.
L'attuale cane Corso, che rappresenta la versione leggera del suo avo, trova la sua nicchia in Puglia, e in parte della Campania e Basilicata.

Stile di vita :

Pur necessitando di un attività fisica nella media idealmente il cane Corso necessita di ampi spazi verdi dove potersi muovere.

Patologie :

Curiosità :

Il nome Cane Corso, a differenza di quanto si possa pensare, non vuol dire “della Corsica” come ad intendere che questa razza provenga dalla Corsica ma deriva dalla parola latina “cŏhors” (cŏhors, cohortis), che significa corte, cortile, recinto ma anche milizia o guardia.

Padrone ideale :

Il cane Corso è particolarmente sensibile al comportamento del proprio padrone, risultando talvolta influenzato anche dal suo umore. Il proprietario ideale deve essere quindi una persona equilibrata e coerente, nella consapevolezza di dover gestire un animale di una certa mole.
Prodotti consigliati
Conversazioni nel Gruppo Cane corso
Devi effettuare il login per visualizzare questa sezione.