Oggi  
  • francesco celandroni ha risposto ad una domanda
    Come si comporta quando incontra altri cani e/o persone?
    204 giorni fa 6 mag 2022
  • francesco celandroni ha risposto ad una domanda
    Non si capisce che marca e modello sono e la composizione si legge malissimo.
    francesco celandroni ha risposto ad una domanda
    A me per ora la pettorina ha risolto un sacco di problemi e portato solo giovamento, poi vedremo.
    francesco celandroni ha risposto ad una domanda
    Penso sia molto importante tenere sempre ben puliti gli ambienti che frequenta il cane e controllare spesso l'animale e in giro. Non necessariamente, poi, le zecche che ti sei trovata addosso vengono dal cane. Tu non hai alcuna protezione quando esci e cammini nell'erba e, di questi tempi, è facilissimo raccattare qualche zecca. Domenica sono andato per boschi e prati ed avevo sempre più zecche sui pantaloni io di quante ne scuotessi dal pelo del cane, nonostante mi fossi spruzzato di veleno. A sera, una bella controllata e via. Sono rimasto stupito che il cane la sera fosse pulito, ne ho trovata una sola, il giorno seguente, attaccata sul cane in un punto ben nascosto (quindi le fiale effettivamente direi che hanno funzionato, vista l'infestazione dell'ambiente in cui eravamo). Purtroppo, al di là del disagio per i nostri animali, le zecche sono diventate un problema grosso anche e soprattutto per noi. Io spruzzo Homegard Frontline sui divani, tessili, tappeti, letto, macchina e cerco di tenere pulito l'ambiente lavando spesso gli oggetti del cane e mi spruzzo di repellenti pelle e abiti ogni volta che esco per boschi o prati.
    206 giorni fa 4 mag 2022
  • A francesco celandroni piace un commento di Saverio Sollecito
    Il giardino purtroppo non è una soluzione che può risolvere questo problema. Bisogna prima di tutto considerare che il cane è un animale sociale e se potesse parlare ti chiederebbe di stare con te in casa. Noi pensiamo che il cane veda il giardino come un parco, ma in realtà quel giardino in poche ore è stato già esplorato in lungo e in largo e quindi nel cane subentra la noia. lo stress e a lungo andare l'isolamento sociale. Poi aggiungi che il tuo cane è un beagle, quindi un cane che ha bisogno di molta attività per poter sfogare tutta la sua vitalità. Stessa cosa quando deve restare a casa da solo, fai bene ad educarlo in questo modo perchè il cane deve capire che per qualche ora è normale stare da solo ma tienilo in casa. Ritagliagli uno spazio di una stanza mettici la sua coperta o il suo cuscino preferito , il suo gioco e lascialo in casa. Ha 5 mesi quindi è normale che segue un percorso di educazione completo che vada dal restare solo qualche ora, ai bisogni fuori, al "cuccia" ecc...
    A francesco celandroni piace un commento di Saverio Sollecito
    Buongiorno, considera che il cane ha 6 mesi e quindi è ancora in una fase in cui il discorso bisogni non è ancora ben stabilizzato. Leggendo la tua domanda penso di aver capito forse quale è l'errore. Non sei riuscito a far distinguere ancora al cane la differenza tra passeggiata e semplice uscita per i bisogni. Quindi prova a scindere le due cose. Adesso ha il ritmo di ogni 2 ore , quindi ogni due ore esclia il tempo di fare i bisogni e riportala dentro. A distanza di un oretta massimo esci invece per una passeggiata molto lunga. capisco che può sembrare strano ma funziona. e sopratutto usa le parole giuste. Quando devi uscire per i bisogni usa la parola "ANDIAMO FUORI", per la passeggiata usa la parola " A PASSEGGIO". Ora lo so che si scateneranno con il discorso educazione gentile e non gentile , ma io lo provato direttamente e funziona. Inoltra non abusare molto con i premietti, una volta ci sta il biscotto, le altre due volte limitati al semplice complimento, e sopratutto i rimproveri non devono essere ne troppo decisi, ne urlati. Limitati semplicemnte a pulire se la fa in casa dicendogli più volte la parola no. Prendere il cane e urlargli in faccia, metterlo di muso nella pipì o picchiarlo con il giornale, sono metodi che non portano assolutamente a nulla, anzi peggiora solo la situazione.
    A francesco celandroni piace un commento di Giovanni Nanni
    Va bene Maria grazie mille per il tuo parere ed i tuoi consigli, li seguirò senz' altro, soprattutto per il modo pacato con cui lo hai espresso. Per quanto riguarda "Ci si Nasce" ti consiglierei davvero di parlare con uno psicologo perchè hai parecchi problemi nelle relazioni sociali con il prossimo, non è normale il tuo modo di porti. Io non ti conosco ma da come ti rivolgi sembri un esaltato e non dai nessun apporto costruttivo ad una discussione se fai sempre così. Però, contento tu contenti tutti. Continua a parlare con tutti gli animali del mondo
    A francesco celandroni piace un commento di Giovanni Nanni
    Innanzi tutto non credo che questo stia il tono adatto per rispondere a chiede un aiuto. Non credo che al mio post abbia risposto San Francesco per cui tutti gli animali dell' universo ti seguono vogliono scappare solo con te, mi sembra un tanti esagerato. E anche se fosse comunque visto che hai questa smisurata conoscenza potresti darmi gentilmente dei consigli e non limitarti a sparare opinioni e giudizi cattivi da persona boriosa. Detto ciò avresti potuto chiedermi più informazioni riguardo alla mia cucciola e ti avrei risposto volentieri dicendoti che lei è molto pacata, mi ascolta e segue ciò che le dico, che le traversine le ho tolte subito dopo le prime passeggiate fuori dopo l' ok del veterinario. Inoltre ci tengo a farti sapere che non mi limito a dispensare premi e biscotti solo quando si comporta bene come una macchinetta ma che la seguo attentamente nella sua crescita. Non a caso la cagnolina dorme e vuole la dormire la notte sempre con me, mi segue sempre affettuosamente anche dopo il rimprovero ed è molto buona ed equilibrata con tutti i cani al parco e non con tutte le persone. Infine ci tengo a specificare il fatto che quello dei rimproveri è un metodo che mi hanno consigliato praticamente tutti quelli con cui ho parlato, che abbiano seguito corsi sul campo con addestratori cinofili che non. Sono contento se tu riesci a parlare con gli animali come il Dr. Dolittle però non tutti nascono con questo dono ma riescono ad instaurare un rapporto positivo con i propri animali solo con la pazienza ed il lavoro continuo. Detto ciò dunque ti ringrazio comunque per il tempo prezioso che hai usato per sparare giudizi cattivi immotivatamente e se dovessi avere consigli espressi in modo costruttivo non mi priverò di farne tesoro. Buon week-end!
    A francesco celandroni piace un commento di Saverio Sollecito
    Perdonami, diciamo che il cosnsiglio dell'allevatore di farlo dormire dentro inizialmente mi ha stupito, poi ho visto però la motivazione che ti ha dato (perchè fa freddo) e subito la mia speranza di aver trovato finalmente un allevatore competente è morta appena partorita. Detto questo, vorrei capire se questa tua scelta è dettata da una motivazione seria o quanto meno utile alla vostra vita sociale. Sorvolando su questo aspetto che non mi permetto di sindacare, ti dico il io pensiero e ti do il mio consiglio. Qui non stiamo discutendo se è giusto o no far dormire il cane sul letto, ma sul posto dove il cane deve dormire. L'atto del dormire per il cane per quanto possa sembrare un semplice dicorso fisiologico in realtà nasconde altri risvolti. Sarebbe prefribile non far dormire il cane fuori, ma farlo dormire con noi ( intendono nella nostra stessa stanza in un posto tutto suo) o in un altra stanza della casa ma sempre dentro. Per il cane è complicato o difficile capire il perchp il giorno sta nel posto A e la sera nel posto B e non esiste una soluzione più o meno indolore per fare questa cosa. Io tranne se non strettamente necessario ti consiglio di non farlo! Il cane troppo spesso e in brevissimo tempo è capace di ritrovarsi sul baratro dell'isolamento sociale e dopo dovrai fare i conti con problemi comportamentali seri. spero di esserti stato utile.
    A francesco celandroni piace un commento di Reena Pavan
    Cmq non certo grazie a 3/4 dei vostri commenti inutili dato che non davano suggerimemti..abbiamo trovato la soluzione. Ma una cosa ci tenevo a dirla...se si fa una domanda..si risponde alla domanda..non serve a nulla commentare in maniera del tutto a sproposito come se avessi detto che volevo legare il cane in autostrada. Incredibile come una sola persona abbia risp alla domanda in maniera educata. Bel grupppi
    A francesco celandroni piace un commento di Reena Pavan
    Ma invece di dire cosa non e' ideale dato che e' ovvio che lo so gia'...perche' non dai un consiglio come invece ho chiesto sin dall'inizio? Nonnservono a nulla sti commenti buttati li
    A francesco celandroni piace un commento di Reena Pavan
    Io ho smart working per sempre e non solo per la pandemia. Il viaggio non era calcolato e avevamo gia' una persona da cui e' gia' stato e si e' trovato bene...solo che ora questa persona ha cuccioli e non puo' piu tenere altri xani per un mese. Ma prima di dare fiato alla bocca in maniera cosi sgradevole...aprite il cervello! So anch'io che non e' la situazione ideale ma un'emergenza puo' capitare no?
    A francesco celandroni piace un commento di Saverio Sollecito
    Buonasera, oltre al fatto che il giardino per tre giorni e per 12 ore consecutive non sarebbe affatto una soluzione, non ti consiglio di fare questo tentativo visto che hai anche scritto che il cane non è abituato. Quindi potrebbe succedere qualsiasi cosa, perchè purtroppo il cane è imprevidibile e potrebbe provare a scavalcare , potrebbe feririrsi ecc... Il mio consiglio è di lasciarlo in caso. Spero che lui in casa abbia una stanza o un angolo di una stanza dove magari c'è il suo lettino /copertina/ gioco/ o dove lui passa la maggior parte del tempo. Ecco magari prima di partire rafforza questo discorso, fallo concentrare su un posto della casa i particolare e se dovesse sporcare perchè non riesce ad aspettare il rientro di tuo marito ahimè toccherà pulire, ma il giardino non è la giusta soluzione. Un altra cosa importante, evita che a portata del cane ci siano oggetti pericolosi per la sua salute e non utilizzare traversine per le deiezioni.
    A francesco celandroni piace un commento di Saverio Sollecito
    Non tutti i webinar sono a pagamento, molti sono gratuiti, non tutti dicono cazzate. la pratica senza teoria e viceversa non serve a nulla. e seguire dei webinar non significa diventare esperti cinofili. significa semplicemnte documentarsi, informarsi quanto meno per iniziare ad essere un padrone un pò più responsabile sia nella gestione del cane che nella scelta del cane.
    206 giorni fa 4 mag 2022
Devi effettuare il login per visualizzare questa sezione.