Petit bleu de gascogne


2 su 5
2 su 5
3su 5
2 su 5
2 su 5
2 su 5
2 su 5

Il Petit Bleu de Gascogne è stato selezionato per la caccia ai piccoli animali selvatici, ma rende benissimo anche nella caccia al cinghiale, soprattutto in muta. E’ molto robusto e obbediente. Ha un olfatto finissimo e un forte abbaio. Con il padrone è molto docile e affettuoso.

Carattere:

Il Petit Bleu da Gascogne è un cane molto docile e affettuoso, dotato di un temperamento tranquillo. Sebbene a volte possa dimostrarsi pigro, è comunque attento e preciso nel lavoro. La sua incapacità di attaccare l’uomo lo rende una razza particolarmente affidabile.È un po’ pigra, scrupolosa e coraggiosa nel lavoro.

Caratteristiche

  • Cane polivalente, utilizzato per la caccia a tiro, talvolta all’inseguimento. La sua selvaggina preferita è la lepre, ma è anche utilizzato con successo per la grossa selvaggina.
  • Media
  • 13 - 15 anni
  • 8 - 12 mesi
  • 52 cm - 58 cm
  • 50 cm - 56 cm
  • 18 kg - 20 kg
  • 17 kg - 19 kg
Aspetto generale

Il Petit Bleu de Gascogne è un cane di media taglia che non trova alcun simile quanto a caratteristiche espressive e del manto. La testa ha forti tipicità francesi e un aspetto decisamente nobile. Il caratteristico mantello blu è formato da un mix di beli bianchi e neri.  Nel complesso è un cane distinto e ben proporzionato, con andatura molto singolare.

Testa e collo
  • Il cranio, visto frontalmente, appare poco bombato e non eccessivamente largo. La fronte è piena e lo stop poco marcato.
  • Il muso ha canna nasale lunga come il cranio con labbra sviluppate e non spesse con tartufo largo e di colore nero.
  • La mascella ha incisivi perpendicolari alla mascella stessa con chiusura a forbice.
  • Gli occhi, di colore bruno, hanno forma ovale.
  • Le orecchie, fini e rigirate, arrivano alla punta del tartufo.
  • Il collo, di buona lunghezza, presenta una leggera giogaia.
Tronco e coda
  • Il corpo ha dorso ben sostenuto con rene compatto e groppa lievemente obliqua. Il torace è lungo e scende fino ai gomiti con costole arrotondate lievemente.
  • La coda è fine e portata a sciabola, arrivando alla punta del garretto.

 

Arti

Gli arti anteriori hanno spalla muscolosa e obliqua con gomiti aderenti al torace ed avambraccio dalla buona ossatura. I piedi anteriori, dalla forma ovale, hanno dita asciutte e chiuse con cuscinetti ed unghie nere.
Gli arti posteriori hanno cosce lunghe e mediamente muscolose con garretti larghi ed angolati.

Arti

Il pelo del Petit Bleu de Gascogne non è molto corto ma abbastanza grosso e fitto.

Arti

Il mantello ha una caratteristica colorazione blu, che deriva dai riflessi blu ardesia  dei peli bianchi e neri che si mescolano su tutto il corpo, con piccole macchie sul tronco difficilmente  distinguibili dalla moschettatura diffusa. Spesso sono presenti due macchie nere ai lati della testa, circondanti gli orecchi e gli occhi, che lasciano al centro della testa una striscia bianca sulla quale si trova una macchia nera di forma ovale, tipica della razza. Sopra l’arcata sopraccigliare sono presenti due focature, che possono essere ravvisate anche sulle labbra, nella parte interna degli orecchi, agli arti e sotto la coda.

Cenni storici :

Come può essere facilmente intuito dal nome, la razza è originaria della Guascogna, regione del sud-ovest francese.Il Petit Bleu de Gascogne , detto anche Segugio francese della Guascogna è una razza che può essere considerata molto antica. Pare che Gaston Phoebus, di ritorno da una spedizione militare nelle Ardenne, abbia portato nella Contea di Béarn dei Cani di Sant’Uberto, di colore nero-focato e bianco, nei quali si riscontrano gli antenati della razza. Questi cani furono poi incrociat con i segugi tipici del luogo, ottenendo così sia il Grand Bleu de Gascogne che il Petit Bleu de Gascogne. Questo cane porta avanti le caratteristiche tipiche del Bloodhoud, come , per esempio, l’olfatto sviluppatissimo. La grande popolarità della razza è ravvisabile nel gran numero di importanti personaggi storici che l’hanno amata. Il Petit Bleu de Gascogne, per citare un esempio, faceva parte delle mute di Enrico IV, re di Francia.

Stile di vita :

La razza necessita di grandi spazi. Per la sua calma e la sua affettuosità è adattissimo a convivere con i bambini.

Patologie :

Non ci sono patologie note specifiche di questa razza, a patto che il cane sia ben tenuto e correttamente vaccinato.

Curiosità :

Tracce degli antenati Bloodhound si ravvisano nei soggetti di colore nero focato, non riconosciuti nello standard, che ancora oggi ogni tanto nascono nelle cucciolate.

Andatura :

Caratteristica della razza non è un trotto ma un galoppo, con un rollio del dorso causato dalla lunghezza della regione lombare.

Padrone ideale :

Il cane riserva al proprio padrone grande obbedienza, per cui non è necessario utilizzare il polso fermo per educarlo. E’ importante che il padrone sia disposto ad accompagnarlo in lunghe passeggiate.

Devi effettuare il login per visualizzare questa sezione.