Bassett fauve de bretagne


2 su 5
2 su 5
3su 5
2 su 5
2 su 5
2 su 5
2 su 5

Il pelo duro che ricopre interamente il corpo di questo cane gli permette di coprire bene tutti i tipi di terreno, soprattutto quelli costituiti da forre e roveti. In ambito venatorio danno ottimi risultati con qualsiasi tipo di selvaggina, anche se sono specializzati nelle prede di taglia ridotta. E’ una razza rustica e molto resistente. In casa si dimostra affettuoso e allegro. Ama compiace il proprio padrone, con il quale è felice di fare lunghe passeggiate.

Carattere:

Il Basset Fauve de Bretagne è un cane dalla taglia contenuta ma dal temperamento forte e molto vivace. E’ un ottimo cane da compagnia, in quanto allegro e gioviale. Sebbene sia molto testardo, è sempre particolarmente soddisfatto se riesce a far contento  il suo padrone obbedendo agli ordini che gli sono impartiti. Si tratta di un cane molto socievole ed equilibrato.

Caratteristiche

  • Segugio impiegato su coniglio, lepre, volpe, capriolo e cinghiale 
  • Medio piccola
  • 13 - 15 anni
  • 8-10 mesi
  • 32 cm - 38 cm
  • 32 cm - 38 cm
  • 16 kg - 18 kg
  • 16 kg - 18 kg
Aspetto generale

Cane piccolo e raccolto ma molto veloce. E’ un bassetto anacolimorfo dolicocefalo, nella classificazione morfologica considerato di tipo braccoide. Gli arti sono leggermente torti, ma nel complesso la costruzione risulta molto solida.

Testa e collo
  • La testa ha cranio allungato con cresta occipitale marcata e stop più marcato che nel Griffon Fauve.
  • Il muso è affilato piuttosto che squadrato con labbra che ricoprono bene la mascella inferiore e tartufo di colore nero o marrone scuro con narici aperte.
  • La mascella ha dentatura forte con regolare chiusura a forbice.
  • Gli occhi non sono né sporgenti né infossati e sono di colore marrone scuro.
  • Le orecchie, fini alla base, sono inserite al livello della linea degli occhi, finendo a punta e rigirati in dentro.
  • Il collo è corto ma muscoloso.
Tronco e coda
  • Il corpo ha dorso corto ed ampio con rene muscoloso. Il torace è largo ed alto con costole arrotondate.
  • La coda, portata a sciabola, ha lunghezza media e spesso spigata. Spessa alla base, la coda si assottiglia verso la punta.
Arti

 Gli arti anteriori hanno spalle oblique e aderenti al torace con gomito in asse con il corpo. L’avambraccio è verticale e appena deviato verso dentro.

Gli arti posteriori, muscoloso e proporzionati, hanno cosce lunghe e muscolose con garretti discesi e metatarsi verticali.

I piedi sono compatti con dita chiuse ed arcuate ed unghia solide.

Arti

Il pelo è corto, duro e secco al tatto, ma non lanoso o crespo. Il muso non deve essere troppo cespuglioso. 

Arti

Unico colore ammesso è il fulvo, in tonalità che si estendono dal grano-dorato al clor mattone. Può essere presente qualche pelo nero, sparso sul dorso o sugli orecchi. Una piccola macchia bianca sul petto è ammessa ma non desiderabile. 

Cenni storici :

Questa piccola razza è da considerarsi la versione ridotta del Grand Fauve de Bretagne, cane ormai quasi completamente scomparso e sostituito dal Griffon Fauve. Nella sua regione di origine è sempre stato molto popolare, con un picco intorno al XIX secolo. Dagli anni ’30 del secolo scorso la sua fama si è estesa anche al di fuori dei confini francesi. La razza ha avuto origine attraverso vari incroci, soprattutto con il Bassetto Vandeano, anche se nell’aspetto il cane rimane molto più simile al Griffon Fauve. Nel paese di origine è impiegato per la caccia alla piccola selvaggina.

Stile di vita :

E’ una razza rustica e resistente, dunque si adatta a diverse condizioni di vita. Ha bisogno di fare molto movimento. Può essere un ottimo amico per tutta la famiglia.

Patologie :

Non vi sono patologie note specifiche di questa razza, a patto che il cane sia ben tenuto e correttamente vaccinato.

Curiosità :

La sua abilità nella caccia lo ha reso vincitore molte coppe nelle prove sui conigli: questo ha particolarmente contribuito alla popolarità della razza.

Andatura :

L’andatura si presenta come molto vivace.

Padrone ideale :

Per educare questo cane è necessaria una leggera fermezza, per vincere la sua testardaggine. E’ comunque abbastanza obbediente, in quanto è felice nel vedere il padrone soddisfatto. La persona che lo accudisce deve necessariamente essere disponibile a portare fuori il cane per fare lunghe passeggiate.

Devi effettuare il login per visualizzare questa sezione.