Collare o pettorina

L'uso del collare e della pettorina sembra essere un tema scottante nell’'ambito cinofilo.

Spesso si trovano online degli articoli che provocano molte reazioni. Bisogna capire in modo più chiaro cosa comporta l'uso del collare e cosa quello della pettorina prima di valutare.

Prima di tutto è bene porsi prima un altro quesito che riguarda quali siano i danni che lo stesso cane può provocare a chi lo porta al guinzaglio. Infatti, il cane tende spesso a trainare l'uomo e ciò può provocare danni alle spalle, alla schiena, al collo della persona.

In realtà, la prima cosa che si insegna al cane è proprio quella di camminare al guinzaglio, condotta ben distinta dal passo da gara e via dicendo.

Per evitare che sia il padrone che l'animale si facciano del male, è utile insegnare al cane a camminare nel modo corretto.

Se si approfondisce il discorso del collare, ne esistono di tipi diversi.

Per esempio il fisso, il quale va inserito dal padrone che regola la misura giusta per non strangolare il cane.

Di solito la distanza corretta tra collo e collare è di un dito. Conviene comprare magari un collare più grande e regolarlo in base alla crescita del cane.

Il collare fisso può essere di metallo o cuoio, considerato come il modello classico oppure in stoffa, nylon ma, è bene assicurarsi della morbidezza per non tirare il pelo al cane.

Il difetto del collare fisso è in come viene sistemato, se è troppo largo o, al contrario, troppo stretto, può far male al cane o si può togliere senza che il padrone se ne renda conto più di tanto.

Altro tipo di collare è quello a punte, il quale è usato come strumento di stimolo ma, dev'essere usato da chi sa come sfruttarne l'utilità.

Il misto tra guinzaglio e collare è detto Retrevier, di corda o nylon, viene usato per praticare alcuni esercizi.

È formato da un gran cappio che serve a trattenere il cane nei momenti di training. Il difetto principale è che non scorre facilmente e quindi non appare sicuro.

Il collare a strangolo non è da usare per portare il cane  a spasso, non è consigliato. È spesso stato al centro di grandi discussioni ma, soprattutto per le conseguenze di un uso scorretto già in partenza.

Bisogna prima insegnare al cane a camminare al guinzaglio poi questo collare arriva dopo. È consigliabile non farlo indossare a cani di piccole dimensioni e ai cuccioli.

Inoltre, non tira il pelo dell'animale ed è sicuro se questo si spinge indietro. I difetti stanno nel cattivo uso e nell'attenzione che il padrone deve avere, per esempio non lasciandolo addosso al cane senza guinzaglio.

Il collare a semistrangolo si chiude automaticamente se il cane tenta di levarselo, si può stringere non completamente ed ha gli stessi aspetti positivi del tipo di collare analizzato in precedenza.

C'è poi il collare a cavezza, che è tipico strumento di lavoro dei professionisti che non deve essere usato dai non addetti ai lavori.

Il collare da expo è usato durante le esposizioni canine, è un tutt'uno tra collare e guinzaglio e si regola facilmente. Ha la caratteristica di non coprire l'animale, evidenziandone la sua linea, per questo viene usato per le fiere.

Cos'è la pettorina

Dopo la breve descrizione dei collari, è tempo di capire che cos'è una pettorina. È uno strumento per legare il cane tra petto e fianchi.

Apparentemente appare più sicura e confortevole rispetto al guinzaglio per il cane.

In realtà non è uno strumento così innocuo perché permette al cane di strattonare e di muoversi con poco controllo.

In ogni caso vale sempre la regola dell’'abituare il cane all’'uso della pettorina altrimenti si riscontreranno sempre problemi.

Il normale cane da passeggio mostra meno problemi con pettorina rispetto ad un cane sotto addestramento. Il cane con la pettorina riesce a muoversi più agilmente che con il guinzaglio.

Nelle esposizioni canine è rigidamente vietata in quanto nasconde le caratteristiche del cane, le sue linee e la sua muscolatura. Anche nel caso della pettorina esistono tanti modelli diversi, modello ad X, ad H e così via.

Addirittura sono stati aggiunti dei dettagli, come la maniglia nel dorso. È meglio usarla in alcune situazioni, come  per esempio la corsa o per andare in bici.

Il problema è sempre lo stesso, se il cane è educato ad andare in spazi pubblici, a stare in mezzo alla gente, a non disturbare, non cambia che si usi pettorina o guinzagli, purché di buona qualità, non si avranno problemi.

Collare o pettorina... i difetti?

Il collare, crea delle sollecitazioni alla trachea e anche alle vertebre. Procura di sicuro più fastidi al cane, che quando tira si soffoca, e quindi si innervosisce e tira di più, per liberarsi dal fastidio.

Però il cane può tirare anche se ha la pettorina, quindi fate attenzione che non stringa troppo le spalle, soprattutto se è un cucciolo e quindi in fase di sviluppo, e che non stringa nemmeno il petto.

 

In definitiva diciamo che la pettorina è più confortevole, ma dovrete comunque controllare che il cane abbia, libertà di movimento, e che non sia stroppo stretta.

Una volta finita la passeggiata è meglio liberare il cane dalla pettorina, mentre, un collare morbido e confortevole, può essere tenuto addosso al cane.

Autore:

Articoli correlati

Cerca una razza
silhoutte cane
Le razze adatte ai bambini
Le razze più agili
Le razze per la difesa
Le razze per la guardia
Le razze che richiedono meno cura nel pelo
Le razze facili da addestrare
Articoli recenti