5 consigli per allungare la vita del vostro cane

5 consigli per allungare la vita del vostro cane

Chiunque abbia un animale domestico e lo ama come meriterebbe desidera soltanto una cosa: che questo possa vivere una vita lunga e sana.

Nel caso dei cani è vero che ci sono determinate razze con un’aspettativa di vita più bassa delle altre, ma comunque il dovere del padrone è garantire al proprio cane il massimo delle cure possibili.

Ecco quindi 5 consigli per allungare la vita del vostro cane.

  1. Una dieta di buona qualità

    Una buona dieta di qualità al cane

    I cani che consumano cibo di buona qualità hanno un pelo lucente, una pelle sana e gli occhi vispi; il loro sistema immunitario si rinforza notevolmente e li rende più resistenti alle malattie, la regolarità del loro intestino è garantita, la vista rimane acuta, i loro muscoli scattanti, le loro ossa resistenti e tanto altro.

    In poche parole, vivono meglio.

    È importante però tenere conto della loro età: a seconda dello stadio della vita in cui si trova, il vostro cane ha bisogno di certi alimenti più di altri e in una data quantità.

    Un cucciolo ha bisogno di una maggiore quantità di proteine, grassi, calcio, fosforo e sodio rispetto ad un adulto; queste sostanze sono importanti per la sua crescita.

    Determinate razze che vanno incontro a problemi congeniti possono aver bisogno maggiormente di specifiche sostanze nutritive per attenuare i sintomi di certe patologie, se non addirittura a scongiurarle.

    È vero che siamo ciò che mangiamo e questo vale anche per i nostri cani: il vostro veterinario potrà fornirvi di volta in volta indicazioni dettagliate sulla dieta perfetta per il vostro cane.

  2. Attenti alla linea del vostro cane

    Cibo dietetico cane

    I cani sovrappeso vanno incontro ad una miriade di problemi di salute ed è stato attestato che vivono un paio di anni in meno rispetto alla media.

    L’obesità è il problema più comune legato all’alimentazione degli animali domestici oggigiorno: padroni eccessivamente indulgenti trascurano l’importanza di una dieta bilanciata e tendono ad eccedere nelle porzioni di cibo che danno al proprio cane, ignorando talvolta i seri rischi per la salute che gli animali (così come gli umani) corrono quando diventano obesi.

    Le patologie più comuni legate all’obesità sono il diabete, le malattie articolari, malattie dell’apparato cardiovascolare, del fegato e dell’apparato respiratorio.

    Anche alcuni tipi di cancro sono legati all’obesità. Il tessuto adiposo rilascia nel corpo del vostro cane delle sostanze che possono essere pericolose per la sua salute, sostanze che portano ai problemi sopraelencati; inoltre la quantità di grasso è responsabile della reazione del vostro cane al dolore.

    Con l’avanzare dell’età il cane tende a soffrire d’artrite: se è sovrappeso farà ancora più fatica a muoversi e le articolazioni gli faranno ancora più male. Per questo motivo è importante che un cane che raggiunge l’età anziana non sia obeso.

    Per aiutarlo a rimanere in forma è necessario che durante la vita faccia una buona quantità di esercizio fisico.

    Un veterinario può consigliarvi la giusta quantità di cibo da elargire al vostro cane e in caso sia già sovrappeso può dirvi come fargli perdere peso.

    Alcuni prodotti per il cane obeso

  3. Portate regolarmente il vostro cane dal veterinario

    Controlli dal veterinario

    Molti padroni hanno la brutta abitudine di portare il proprio cane dal veterinario solo in caso di estrema necessità, dopo averlo fatto vaccinare.

    In realtà si dovrebbe portare il cane dal veterinario almeno una volta all’anno, o una volta ogni 6 mesi nel caso di cani anziani.

    Grazie alle visite di routine il veterinario può scoprire l’insorgere di problemi di salute a cui il vostro cane sta andando incontro, permettendovi spesso di combatterli prima che possano peggiorare.

    Oltre alle ovvie ripercussioni sulla salute del cane, permettere che una malattia avanzi al punto da doverla curare invece di prevenirla sarà più dispendioso anche per le vostre tasche.

  4. Curate l’igiene orale del vostro cane

    Igiene orale cane

    È un problema comune: molti padroni non prestano attenzione ai denti e alle gengive dei propri cani; ed è un peccato, perché si stima che circa l’80% dei cani vengono colpiti almeno una volta nella propria vita da malattie del cavo orale.

    I padroni un po’ più premurosi si preoccupano soltanto quando l’alito del cane inizia a diventare insopportabile, ma una buona prevenzione e controlli periodici vanno effettuati a prescindere da eventuali segnali.

    La bocca del cane è un luogo caldo ed umido, costantemente a contatto con corpi estranei: è un ricettacolo di batteri di ogni sorta.

    Spazzolare una volta al giorno i suoi denti può essere un buon modo per evitare problemi a denti e gengive come placca, tartaro e carie, ma anche fastidiose (e pericolose) gengiviti, periodontiti e piorree.

    Nel caso della periodontite, le tossine prodotte dai batteri vengono immesse nel flusso sanguigno del cane; reni, fegato e cervello accumulano queste tossine con l’afflusso di sangue, permettendo la formazione di piccole infezioni che, se non contrastate, possono portare a danni permanenti ed anche fatali agli organi.

    Queste conseguenze così gravi sono causate da una semplice negligenza nel controllo del cavo orale del cane: perché rischiare così tanto? Il segreto per una vita lunga e sana passa anche attraverso la bocca.

    Alcuni prodotti per l'igiene orale

  5. Supervisionate il vostro cane quando è all’aperto

    Molti padroni, pensando che un animale debba stare quanto più possibile a contatto con la natura, lasciano il cane tutto il giorno in giardino o in un campo, permettendogli di vagare senza controllo ed esponendolo ad ogni sorta di pericolo, come gli incidenti stradali, esposizione a parassiti e a malattie contagiose, nonché ad uno svariato numero di sostanze velenose, alcune delle quali presenti in natura.

    Conosci le piante tossiche per i cani?

     
    Giardini e parchi possono nascondere insidie per i nostri amici a 4 zampe...
    informati
     

    Se ad esempio viveste in campagna ed aveste deciso di lasciare il vostro amico libero di scorrazzare in un campo per tutta la vita, considerate che fiori come l’azalea, il narciso, il tulipano, l’oleandro ed il ciclamino sono velenosissimi se ingeriti; i sintomi da avvelenamento da queste piante possono variare da semplici dolori addominali, nausea, vomito e diarrea fino a ben più pericolose emorragie, tremori involontari, disfunzioni cardiache e morte.

    Come se non bastassero questi pericoli, nei campi vengono spesso usati veleni e diserbanti la cui ingestione può causare la prematura dipartita del cane.

    Perciò il cane ha bisogno sì di vivere a contatto con la natura, ma non senza il controllo del padrone: l’ideale sarebbe portarlo spesso fuori per una corsa od una passeggiata, fargli fare attività fisica e lasciarlo libero di sentire gli odori ed esplorare la natura, ma sempre sotto il vostro vigile ed amorevole sguardo.

Commenti

Devi effettuare il login per visualizzare questa sezione.