10 razze simili al Pastore Tedesco

10 razze simili al Pastore Tedesco

In questo articolo parleremo di alimenti che noi umani consumiamo più o meno abitualmente ma che possono essere pericolosi per la salute del cane.

I padroni di un cane sanno bene cosa significhi essere a tavola ed essere fissati per tutta la durata del pasto: molti cedono a questa silenziosa richiesta e accontentano il cane concedendo un piccolo snack.

Che male può fargli? Capiamolo assieme.

Questione di calorie

Bisogna innanzitutto ricordare che il fabbisogno energetico di un cane è ben diverso da quello di un umano, principalmente per via della differenza di stazza: ciò che per noi può essere un boccone o una piccola porzione di cibo, per un cane potrebbe essere un pasto completo.

I cani, così come altri animali domestici, hanno bisogno ogni giorno di molte meno calorie di un essere umano e una quantità eccessiva di calorie potrà esporlo ai pericoli dell’obesità.

Verranno elencati qui di seguito 8 snack apparentemente innocui che faranno ingrassare il vostro cane, ma consultate sempre il veterinario prima di dare al vostro cane un alimento che potrebbe essere pericoloso per la sua salute.

Un cane come il Pastore Tedesco?

La fama del Pastore Tedesco è giustificata: questo cane dalle origini alsaziane è un intelligentissimo cane da lavoro e la sua devozione per il padrone e il suo coraggio sono praticamente impareggiabili.

I Pastori Tedeschi sono cani energici e forti: le loro zampe sono forti e muscolose, così come le loro spalle.

Se opportunamente addestrati sono adatti a moltissimi compiti, fra cui quelli di cane poliziotto, cane antidroga e da salvataggio; sono anche degli eccellenti pastori (la loro mansione originaria). Un cane eclettico e pronto a tutto, anche a diventare un buon cane da compagnia gentile ed affettuoso.

Queste sono le qualità che l’hanno reso popolare ma alcune persone, pur apprezzando le sue qualità, cercano dei cani che non possiedano ciò che ritengono essere degli svantaggi del Pastore Tedesco, o che abbiano le sue stesse qualità ma in diverso grado.

Possono preferire, ad esempio:

  • Una maggiore potenza muscolare
  • Una statura più grande
  • Una statura più piccola, più adatta alla vita da appartamento
  • Una minore necessità di esercizio fisico che rende il cane più adatto ad un padrone inesperto
  • Una minore aggressività che lo renda socievole con estranei, bambini ed altri animali domestici
  • Maggiore pacatezza, meno impulsività
  • Maggiore capacità di sopportare le temperature più rigide o più calde
  • Aspettativa di vita più alta o più bassa
  • Pelo più corto o quantomeno che cada poco spesso

Alcuni di questi specifici requisiti vengono soddisfatti dalle 10 razze canine simili al Pastore Tedesco che elenchiamo qui di seguito.

1. Il Pastore Belga

4 pastori belga

Come suggerisce il nome, questo cane pastore è originario del Belgio. Si tratta di un cane di taglia medio-grande utilizzato da sempre per governare i pascoli ed è molto intelligente e rapido nell’apprendimento.

Le sue capacità mentali, oltre alla sua forza e alla sua energia, lo rendono un eccellente cane poliziotto, obbediente e preciso nelle operazioni di ricerca, nonché un ottimo cane da guardia nelle abitazioni.

Il Pastore Belga ha bisogno di frequenti passeggiate all’aperto e di esercizio fisico quotidiano: soddisfatta quest’esigenza, può diventare anche un buon cane da appartamento.

Ha bisogno di un padrone deciso e forte e non è raccomandabile a padroni inesperti e fisicamente deboli.

Se addestrato a dovere e sin da cucciolo il Pastore Belga si mostra adorabile con i bambini, ma non è molto incline a socializzare con estranei ed altri animali.

Vive in media circa un anno in più del Pastore Tedesco ed è più leggero; il suo manto è composto da un doppio strato di peli moderatamente lunghi, più corti di quelli della razza alsaziana.

2. Il King Shepherd

King Shepherd

Quella del King Shepherd è una razza canina molto recente: è stata ufficialmente riconosciuta solo nel 1995.

Si tratta di un incrocio creato negli Stati Uniti dagli allevatori Shelley Watts-Cross e David Turkheimer, nella cui linea di sangue sono presenti il Pastore Tedesco, l’Alaskan Malamute ed il Terranova.

Il King Shepherd è molto più grande del Pastore Tedesco: può raggiungere l’altezza di 81 centimetri, laddove il Pastore Tedesco raggiunge un massimo di 65 centimetri. Sono di gran lunga più potenti e muscolosi, ma anche meno aggressivi e più fedeli.

Purtroppo la loro aspettativa di vita è più bassa: vivono in media circa 2 anni in meno.

3. Il Cane da Pastore Olandese

Cane da Pastore Olandese

Questa razza di cane pastore non è molto diffusa fuori dai confini nazionali.

Si tratta di una razza allevata  da fattori e pastori olandesi per condurre e custodire il gregge e svolgere altre mansioni.

Il Cane da Pastore Olandese si adatta facilmente a condizioni climatiche difficili ed è molto agile, obbediente ed attento. Fra le mura domestiche si rivela un cane estremamente fedele e protettivo, sia nei confronti del padrone che della sua famiglia.

I Cani da Pastore Olandesi hanno bisogno però di molto esercizio fisico e mentale: se non lo svolgono possono sfogare la loro energia in modo distruttivo e l’addestramento può essere difficoltoso a causa della loro innata testardaggine.

Questi cani vivono in media 2 anni in più del Pastore Tedesco ed il loro mantello ha 3 varietà: pelo corto, pelo ruvido e spesso e pelo lungo, anche se quest’ultima varietà è praticamente estinta all’interno dei confini olandesi.

4. Cane da Pastore di Shiloh

Cane da Pastore di Shiloh

Il Cane da Pastore di Shiloh è una razza non ufficialmente riconosciuta dappertutto in quanto tale.

È un cane molto raro, simile nell’aspetto al Pastore Tedesco da cui discende, oltre che dall’Alaskan Malamute: è quindi più alto del Tedesco e le sue anche non sono soggette alla famigerata displasia di cui soffre il suo progenitore.

Sono cani intelligenti ma estremamente energici: amano gli spazi aperti ed hanno bisogno di molto addestramento ed esercizio fisico.

Anche loro si rivelano testardi e distruttivi se non addestrati a dovere, come il Malamute da cui hanno origine.

Il pelo del Cane da Pastore di Shiloh è più ruvido di quello del Pastore Tedesco, ma le differenze terminano qui.

5. Il Pastore Boemo

Pastore Boemo

Il Pastore Boemo è un cane di media taglia che non è riconosciuto come razza al di fuori dei confini della Repubblica Ceca; è stato ammesso nelle mostre canine ufficiali in Danimarca soltanto dal 2013.

Questo cane è molto simile al Pastore Tedesco, fatta eccezione per le dimensioni, che sono leggermente più piccole, e per il fatto che è molto meno muscoloso.

Il suo comportamento è  inoltre più amichevole, il che lo rende un perfetto cane da compagnia; ha bisogno di meno addestramento e non presenta le stesse patologie ereditarie dell’alsaziano.

Tuttora il numero di Pastori Boemi è ridotto, avendo iniziato l’allevamento di questa razza in Repubblica Ceca soltanto nel 1984.

6. Il Northern Inuit

Northern Inuit

Il cane Northern Inuit è un incrocio prodotto in Inghilterra nella seconda metà degli anni ’80 nel tentativo di creare una razza d’aspetto simile a quello di un lupo, ma di gran lunga più addomesticabile.

Questa razza è frutto dell’incrocio fra Pastore Tedesco, Siberian Husky e varie razze Inuit.

Nonostante l’aspetto selvatico, il Northern Inuit è un cane molto amichevole, socievole con tutti, sebbene la sua testardaggine lo renda ostico per i padroni alle prime armi.

Può raggiungere la considerevole altezza di 76,2 centimetri.

7. Il Cane da Pastore Belga Tervueren

Cane da Pastore Belga Tervueren

Questa variante del Cane da Pastore Belga originaria del villaggio di Tervueren in Belgio ha dimensioni più ridotte del Pastore Tedesco, un pelo molto più lungo ed il corpo più squadrato.

È un cane molto energico ed intelligente, adatto alla vita all’aperto.

Molti esemplari di Tervueren si distinguono nelle gare di agility e possono essere buoni cani poliziotto e da salvataggio.

Vivono in media circa un anno in più dei Pastori Tedeschi.

Ultimi Cane da pastore belga iscritti su cani.it:

8. Il Cane Pastore Rumeno dei Carpazi

Cane Pastore Rumeno dei Carpazi

Questo cane dal pelo lungo, folto e ruvido ha svolto per secoli il compito di guardare le greggi dei pastori rumeni sulle fredde montagne dei Carpazi, per cui è naturalmente portato a tollerare temperature basse e raffiche di vento gelido.

Il temperamento degli esemplari di questa razza è calmo ed equilibrato. Il suo attaccamento al padrone è sorprendente e se viene addestrato a compiere un compito specifico lo esegue con dedizione.

Raggiunge un’altezza massima di 73 centimetri.

9. L’American Alsatian

American Alsatian

Questo cane pastore originario degli Stati Uniti è molto simile al Pastore Tedesco, eccetto che per la maggiore potenza muscolare e per le maggiori dimensioni, dato che può raggiungere un’altezza di 71 centimetri contro i 65 del Tedesco.

Sono cani molti quieti ed amichevoli, adatti alla vita in famiglia, socievoli anche con bambini e con altri animali, anche se la loro irreprensibile fedeltà nei confronti della sua famiglia umana può renderli diffidenti verso gli estranei, ma mai veramente pericolosi.

Hanno bisogno di una media quantità di esercizio fisico e non sono particolarmente distruttivi quando sentono il bisogno di sgranchirsi un po’, né tendono ad abbaiare spesso.

10. Il Panda Shepherd

Panda Shepherd

Questa razza canina è frutto di una mutazione genetica spontanea del Pastore Tedesco che rende il suo muso di colore bianco.

In Europa la razza non è riconosciuta, essendo ritenuto un Pastore Tedesco a tutti gli effetti, ma non è ammesso il colore bianco fra le varianti del mantello della razza.

Sono cani in tutto e per tutto identici al Tedesco, anche nel comportamento.

1. I biscotti ai cereali

Biscotti ai cereali per il cane

Un piccolo biscotto ai cereali per un cane che pesa intorno ai 10 chilogrammi è l’equivalente calorico di un hamburger di bovino per un essere umano adulto.

Per noi si tratterebbe di 300 calorie, ossia quasi 1/6 del fabbisogno calorico giornaliero di una donna media ed 1/8 del fabbisogno di un uomo medio.

Se viene dato al cane un singolo biscotto ai cereali non succede alcunché di grave, solo bisognerebbe tenere conto delle calorie; questo snack ha anche dei vantaggi, poiché contiene fibre, che fanno bene a lui quanto a noi.

Fate attenzione però che il biscotto non contenga ingredienti come le gocce di cioccolato: per quanto sia gustoso e innocuo per noi, il cioccolato è un vero e proprio veleno per i cani.

2. Gli hot dog

Hot Dog al cane

Gli hot dog sono uno snack gustoso ma molto calorico anche per noi esseri umani, figuriamoci per un cane.

Un hot dog costituito da panino, wurstel ed una media quantità di salsa contiene circa 175 calorie: può non sembrare molto, ma si tratta di 1/3 del fabbisogno giornaliero di un cane che pesa intorno ai 10 chilogrammi.

Proprio perché apparentemente innocuo, è un alimento che molti padroni danno con eccessiva leggerezza ai propri cani.

3. Il formaggio

Formaggio al cane

Esistono tantissime varietà di formaggio, ognuna con le sue proprietà nutritive, fra cui la quantità di grassi presenti.

Fra i formaggi più amati ed apprezzati da noi umani, il brie, il camembert, il gorgonzola, la crescenza ed il taleggio sono fra i più grassi, a cui i più golosi sono generalmente costretti a rinunciare quando devono affrontare una dieta dimagrante o hanno problemi di colesterolo.

Proprio per via del contenuto di grassi, 30 grammi di formaggio particolarmente grasso per un cane di circa 10 chilogrammi equivalgono a mezza tavoletta di cioccolato per un umano adulto.

Per un cane più piccolo, si tratta di 1/3 del fabbisogno calorico giornaliero.

Ecco perché è sconsigliato farsi corrompere dalle richieste del vostro cane quando mangiate del formaggio: per voi sarà pure un innocuo snack, ma per lui è una bomba calorica.

4. Le patatine fritte

Posso dare le patatine fritte al cane?

Un alimento come le patatine fritte in busta può trarre facilmente in inganno i padroni di un cane.

Si tratta di sottili sfoglie di patata che pesano qualche grammo appena: che male può fare al nostro amico se gliene lanciamo una? Purtroppo non si tiene spesso conto del fatto che saranno sì sfoglie di patata, ma sono fritte (e dunque cariche di grassi saturi) e ricoperte di sale.

Un cane di piccola taglia può raggiungere il fabbisogno giornaliero di calorie con una manciata di patatine fritte.

Se il cane si ostina a gironzolarvi intorno quando consumate delle patatine in busta, potrebbe essere una buona idea dargli una manciata di crocchette: anche lui potrà sgranocchiare qualcosa e smetterà di assillarvi.

Le crocchette che mangerà come snack, naturalmente, andranno sottratte dal suo quantitativo giornaliero per evitare il rischio che il vostro amico possa ingrassare mangiando comunque più del dovuto.

5. Il latte

Si può dare il latte al cane?

Il latte è un alimento ricco di proteine, sali minerali, vitamine e grassi.

Tutti i mammiferi fino allo svezzamento assumono il latte materno, ma dopo lo svezzamento tendono ad incontrare sempre più difficoltà nel digerirlo, a causa della progressiva riduzione nel corpo dell’enzima della lattasi, responsabile della digestione del latte.

Se il cane non beve latte sin dallo svezzamento, è probabile che non possa essere più in grado di digerirlo: avrà sviluppato un’intolleranza e potrebbe provocargli coliche dolorose e diarrea.

Oltre a questo non trascurabile problema, tenete conto dell’apporto calorico del latte: un singolo bicchiere di latte contiene 122 calorie, pari ad 1/8 delle calorie che un cane adulto di circa 10 chilogrammi deve assumere in una giornata.

6. Il burro d’arachidi

Burro d'arachidi al cane

Questo alimento non è molto diffuso in Italia, ma è bene mettere in guardia i padroni di cani dal consumo che i propri animali potrebbero farne.

Pare che molti cani siano ghiotti di burro d’arachidi: ma ciò che i cani non sanno (e i padroni potrebbero non sapere) è che un cucchiaio di questo snack contiene ben 94 calorie, circa 1/7 del fabbisogno energetico giornaliero di un cane di 10 chilogrammi.

Per quanto non sia poi così eccessivo, è sicuramente un alimento da non dare al cane con troppa leggerezza.

7. I salumi e gli insaccati

Si possono dare i salumi o gli insaccati al cane?

Che sia pranzo, cena o merenda, molte persone si concedono un panino con salame, prosciutto, mortadella, bresaola o altri salumi. Tutti sanno che l’eccessivo consumo di salumi ed insaccati porta a spiacevoli conseguenze per la salute, per cui i dietologi ne sconsigliano vivamente l’abuso.

Chi possiede un cane sa bene, però, che quando l’animale chiede che gli venga lanciata una fetta di salame è difficile resistergli e ricordarsi che queste concessioni lo faranno ingrassare.

Per farci un’idea di quanto siano calorici certi salumi apparentemente innocui per la salute, prendiamo come esempio il prosciutto: 100 grammi di prosciutto contengono 309 calorie, equivalente a quasi la metà del fabbisogno energetico giornaliero di un cane di 10 chilogrammi.

Anche se difficilmente un padrone coscienzioso darà al cane più di una o due fettine di prosciutto e non certo 100 grammi, si tratta comunque di una buona quantità di calorie di cui tenere conto per non farlo ingrassare.

8. Il tonno

Dare il tonno al cane

Cani e gatti vanno matti per il tonno.

Questo alimento viene consigliato nelle nostre diete poiché contiene una buona quantità di proteine e pochissimi grassi, ma proprio questa caratteristica può ingannarci e indurci a dare spesso del tonno al nostro cane.

Una scatoletta di tonno al naturale contiene circa 100 calorie, mentre quello sott’olio ne contiene 190: ciò che per noi è un alimento dietetico ed equilibrato, per un cane di 10 chilogrammi circa è un pranzo a cui non dovrebbe accompagnarsi altro cibo.

Conclusioni

Chiedete al vostro veterinario di fornirvi una dieta bilanciata per il vostro cane: saprà dirvi di quante calorie ha bisogno ogni giorno a seconda della taglia, dell’età e dell’attività.

Commenti

Prodotti consigliati

Devi effettuare il login per visualizzare questa sezione.