Pettini, spazzole e cardatori

Pettini, spazzole e cardatori

Spazzolare e curare il pelo del vostro cane, è una cosa molto importante. L’osservazione del pelo inoltre è essenziale per avere un quadro generale della salute del cane.

Infatti, come per gli esseri umani, anche nei cani è possibile capire se la salute e l’alimentazione sono corrette o meno tramite lo stato del manto. Inoltre è importante ispezionare la cute per rintracciare eventuali graffi, escoriazioni e ferite varie.

Una cosa molto importante è soprattutto facilitare il ricambio pelo, infatti, noterete che nel periodo della muta, il vostro amico tenderà a grattarsi spesso, cercando di eliminare in questo modo il pelo vecchio. 

Per facilitare questo ricambio è utile la spazzolatura costante, che inoltre evita la formazione di nodi, favorisce la rimozione di eventuali corpi estranei, e praticando una spazzolatura delicata, serve anche per la riattivazione della circolazione sanguigna.

Dobbiamo specificare, che ogni razza ha tipologie di pelo diverse, di conseguenza è opportuno adottare  gli strumenti e i metodi di spazzolatura adeguati.

Partendo dalle considerazioni generali, è importante considerare che il cane va abituato sin da cucciolo alla  pratica della spazzolatura.

L’operazione deve essere percepita dal cane come qualcosa di piacevole, simile a un massaggio, perciò la spazzolatura va fatta in maniera decisa ma non aggressiva.

Ovviamente i cani con il pelo più lungo hanno bisogno di essere spazzolati più frequentemente rispetto a quelli a pelo corto, per i quali una spazzolata settimanale può bastare.

Diamo un’occhiata al procedimento.

Prima di tutto è bene iniziare col pettine, che non deve avere i denti troppo stretti, in questo modo potremo districare gli eventuali nodi e eliminare buona parte del pelo morto.

Guida ai migliori pettini per cani

Poi è si prosegue col cardatore. Questo strumento va utilizzato partendo dalla testa, sempre nel verso del pelo (questo vale anche per il pettine e per la spazzola), e serve a eliminare il più possibile ogni traccia di pelo morto.

Cardatori per cani

Per terminare il lavoro, soprattutto nei cani a pelo lungo è bene dare una mano di spazzola, che deve preferibilmente essere a setole dure.

La dimensione degli strumenti deve essere proporzionata alla stazza del cane.

Per i cani a pelo raso è consigliabile utilizzare una spazzola con setole corte e fitte oppure un guanto togli pelo, questo strumento è utile soprattutto nei cani che si dimostrano timidi nei confronti degli strumenti classici, in quanto il guanto si confonde con la mano e l’utilizzo risulta come una carezza.

Guida alle migliori spazzole per cani

Per i cani a pelo corto, oltre alla spazzola è meglio abbinare un cardatore, che ci aiuterà a rimuovere il pelo morto più in profondità.

I cani a pelo lungo sono quelli che ci riservano più insidie, quindi la spazzolatura deve essere possibilmente quotidiana, e vanno utilizzati tutti e tre gli strumenti, nella sequenza precedentemente indicata.

Per i cani a pelo duro possiamo agire come spiegato per i cani a pelo corto, con la differenza che in questo caso, è meglio ripetere l’operazione due volte a settimana.

Bisogna ricordarsi che le operazioni di spazzolatura vanno intensificate nei periodi di muta, in cui aumenta la presenza di pelo morto. 

Commenti

Devi effettuare il login per visualizzare questa sezione.