Oggi  
  • Fabrizio De Angelis ha risposto ad una domanda
    Ps: se sei al guinzaglio e vedi un cane sciolto che viene verso di voi, rimani tranquilla ma assertiva. Ovvero sei TU il Leader, la sua Guida, devi far vedere che sai il fatto tuo e ti occupi TU del “problema”. Non arretrare timorosa...quasi sempre non c è nulla di cui preoccuparsi! Quindi respira, rilassati e mostrati solida! Non arretrare ma anzi vai fiduciosa un po’ avanti VERSO quel cane curioso... mostrati amichevole ma attenta, che valuti e gestisci, non sprovveduta...ma che osservi solida e serena e decidi il da farsi, perché TU sai cosa è meglio per il tuo cane e l’altro! .. Anche se non ti senti di avere questa attitudine che deriva dall esperienza, cerca più che puoi di “fingere” e mostrarti così ! Dopodiché, se l’altro era ben intenzionato e curioso, come al 99% sono, e vedi che la tua è curiosa e ha bisogno dî incoraggiamento, incoraggiala! E slegata fiduciosa! Questo è il miglior messaggio che le puoi dare ..
    Fabrizio De Angelis ha risposto ad una domanda
    Cerca semplicemente di stare bene con lei , fare belle passeggiate, scegli posti poco battuti... ampi spazi .
    Fabrizio De Angelis ha risposto ad una domanda
    Ottima l’idea della vacanza in montagna, anche loro hanno bisogno di cambiare aria e rigenerarsi! Io opterei per portarla.. dando la priorità seppur correndo qualche rischio di attrito con qualche cane, allo stacco nella natura e i benefici che comporta esplorare un nuovo ambiente, e così interessante ma rasserenante e rilassante come quelli che citi. Però è fondamentale che tu ti scrolli di dosso questa tensione, non essere prevenuta, devi riuscire a farti percepire da lei il più possibile serena, trasformata e fiduciosa. Questo ha un impatto enorme sul cane.. la tua attitudine, il tuo stato interiore. Che il cane ben percepisce come sappiamo. Serena e fiduciosa, esercita le dovute prudenze anticipando, gestendo per tempo e prevenendo approcci errati e possibili attriti/scontri. Devi anticipare bene e interrompere sul nascere ogni sentore di interazione tesa. E fine. Viceversa, quando è evidente che capita quel cane che lei gradisce, approfitta per slegarla anche te se l’altro è slegato.. e farli stare con piacere assieme. Gli approcci al guinzaglio sono da evitare sempre...specie uno legato e uno no. Ma anche entrambi legati in quel classico approccio teso, muso a muso, coi proprietari tesi più dei cani ad aggrapparsi al guinzaglio...ecco quello mai!! Mantenere una certa distanza all’inizio...e se si percepisce che i cani si trovano bene si coordina tra conduttori lo slegarli assieme. Qualora ci fosse un approccio, che può capitare, di cani al guinzaglio, mai tenderlo e tirare preoccupati come a trascinarli via, ma viceversa allentare il guinzaglio! Proprio bello lento.. il più possibile. Entrambi i cani lento! Trasmettere stato di calma, fiducia.
    Fabrizio De Angelis ha risposto ad una domanda
    PS: non rimane mai da sola".. ecco questo a livello etologico è corretto per un cane, lo stare col gruppo, condividere ecc, però è fondamentale insegnare ai cani sin da cuccioli in modo graduale a restare anche da soli! Accresce la loro sicurezza, fiducia e autostima sapere di potercela fare da soli.. Aumentando serenità ,solidità ed equilibrio. È un aspetto molto importante essere in grado di rimanere dei momenti da soli. Con lei che ha questi disagi e difficoltà sociali a maggior ragione è importante facilitare la sua acquisizione e sviluppo di fiducia e sicurezza in sé, in ogni occasione che si presenta nel quotidiano tra cui lo star dei momenti da sola! Anche questo è un aspetto su cui lavorare con calma studiando capendo bene come fare e con l'ausilio magari del professionista cui ti rivolgerai. L'essere consapevoli di potercela fare da soli.. ogni piccola occasione nella quotidianità è un'occasione preziosa..
    Fabrizio De Angelis ha risposto ad una domanda
    Si ti conviene rivolgerti subito a qualcuno perché da ciò che dici ci sono problemi che se trascuri ora nell’adolescenza poi si fomentano e peggiora solamente. Cucciolo abbandonato, preso presto, con poca o nessuna formazione con la madre per inibizione del morso ecc.. ci sono poi quasi sempre queste situazioni problematiche, che infatti inizialmente si traducono apparentemente solo in iperattività.. più il la diventano ansie sociali vere e proprie, paure/fobie, difficoltà varie. Attenzione perché molti anche tra professionisti riconducono il tutto a “falla scaricare fai molta attività!”. In realtà non è proprio così..la giusta attività psicofisica è solo una componente tra le varie cose. E non bisogna esagerare nemmeno..con troppe uscite...e/o attività che non fanno per quel cane! In una frenesia volta solo a “farlo sfogare” si finisce spesso per non centrare l’obiettivo e addirittura per stressarlo aumentando così una irrequietezza di fondo per difficoltà e disagi sociali. È su questi che bisogna lavorare e recuperare il tempo perso, in cui fin da piccolissima non ha avuto una guida materna anzitutto, ecc ecc ecc 11 mesi sei ancora assolutamente in tempo per lavorarci bene con qualcuno. Che poi sia educatore, comportamentali sta o varie nomee di moda oggi.. quello che conta è che sia esperto e capace! E ci vuole tempo e pazienza, fatti seguire spesso con calma in vari contesti, anche a casa ed è fondamentale che tu parallelamente studi ed evolvi sempre di più le tue abilità. Ti consiglio anche, oltre questo percorso sociale dedicato, di frequentare un centro cinofilo dove poter stare nell’ambiente e tutto migliora già solo per quello. Viceversa attenzione alle “aree cani”...perché sono un arma a doppio taglio!! Portandoli sempre lì sviluppano territorialità tutta una serie di contese e potenziali conflitti, con frustrazione e disagi che un occhio esperto capta bene.. Ti consiglio vivamente di evitarle! Specie visto i suoi problemi! Che probabilmente si sono sviluppati o comunque hanno trovato terreno fertile proprio la dentro. Portala nella natura se puoi staccando per un periodo dai soliti contesti urbani..abbassa lo stress. Devi un attimo aggirare il problema ,,,distogliere il cane da quel radicarsi di disagi.
    Fabrizio De Angelis ha risposto ad una domanda
    Di solito si limita al periodo del calore in cui ci sono sbalzi ormonali.. ma i fattori che incidono su un cambiamento così repentino di comportamento possono essere tanti.. e non riconducibili solo al calore, che può essere solo una concausa scatenante già un qualcosa di preesistente che covava.... magari un disagio ecc. Bisogna vedere se la tua interpretazione di notevole socialità era azzeccata... magari il fatto che si sedesse di continuo ad aspettare ogni cane che intravedeva, non significava in realtà qualcosa che a voi sembrava lampante, bensì una eccessiva attenzione/preoccupazione verso i contatti intraspecifici. Che magari avete senza volerlo gestito non proprio bene, assecondando sempre troppo questa alta focalizzazione o viceversa reprimendola, senza darle modo di interagire coi giusti approcci e sviluppi relazionali fino alla fine. Con seguente frustrazione covata nel tempo.. In cinofilia sono veramente tanti i fattori... non c’è un caso e una risposta. Chissà...forse quell educatore non ha lavorato capendo bene certi aspetti e ha facilitato certi sviluppi comportamentali. Non è facile... bisogna capire con calma, provare delle strategie e osservare come va. Il fatto di sterilizzarla può aiutare se fosse solo riconducibile agli sbalzi ormonali del periodo, che lei magari accusa in modo particolare. Se così non fosse e fosse solo una concausa scatenante, può alleviare ma in realtà anche sterilizzare porta di per sé a una situazione ormonale innaturale, in cui la cagna diventa a volte strana...ombrosa, “passiva”, e non è più tanto in grado di gestire le relazioni.. Aspetta un pò a sterilizzare...così vedi. Di solito passato il primo calore, e il primo si fa sentire di più e specie in alcune cagne, la situazione si stabilizza.. e ai prossimi calori va meglio. Se così non fosse, allora è un soggetto che col “pretesto del calore” ha manifestato un problema. E dovrai capire quale, per lavorarci su..magari con un bravo cinofilo. Se è una cagna che accusa parecchio gli sbalzi durante i calori, sterilizzare può sicuramente aiutare ..
    Ieri 31 lug 2021
  • A Fabrizio De Angelis piace un commento di Rebecca gentile
    Inoltre vorrei portarla per 10 giorni in montagna per staccare un po' quindi la porterei al lago, fiume, bosco ecc.. solo cje visto il suo attuale comportamento sono un po' impaurita perché li potremmo incontrare diversi cani soprattutto sciolti. È meglio aspettare e non portarla? O portarla e cercare di farla staccare un po' e cambiare ambiente?
    A Fabrizio De Angelis piace un commento di Rebecca gentile
    Grazie mille davvero per tutte le informazioni, mi metto subito alla ricerca di un professionista
    A Fabrizio De Angelis piace un commento di Rebecca gentile
    Lei è stata abbandonata e l'ho presa quando aveva un mese e mezzo dunque sono andata subito da un educatore. fin da subito ho notato qualcosa che non andava, dormiva pochissimo e era sempre MOLTO ATTIVA ma anche socievole con tutti umani e cani. Io ho sempre pensato fosse iperattiva ( nella mia ignoranza) perché confrontandomi con altri padroni di cuccioli notavo e noto tutt'ora le differenze. mi è stato detto che è solo un cane che ha bisogno di attività ma io personalmente penso che lei ne faccia abbastanza eppure non la vedo tranquilla. La mattina verso le 6/7 andiamo ad un parco per 1:30 dove sta completamente libera e giochiamo con corda, pallina ecc.. e poi facciamo una lunga passeggiata perché lei ama annusare e rincorrere le lucertole. Tornati a casa io vado via e lei alle 13 esce nuovamente per una breve passeggiata (10/15 minuti), poi nel tardo pomeriggio (17:30/18:00) uno di noi la porta in area cani dove sta per più di un'ora. Infine l'ultima passeggiata da 40/50 minuti è alle 22/23 Penso faccia abbastanza attività ,non rimane mai da sola in casa quindi personalmente non so cos'altro potrei fare. Lei aveva anche problemi con la pipì ora abbiamo abbastanza risolto anche se non del tutto. Mi preoccupa il fatto che sia diventata molto territoriale, morde e ringhia. Non ascolta i no, anzi se le dico di no lei mi abbaia e ringhia continuando a fare quello che stava facendo. Addirittura una sera le ho spostato il muso dal divano che stava mordendo e mi ha morso non troppo forte ma abbastanza da farmi uscire un grosso livido su tutto l'avambraccio. Non è normale, lo so ma ora si è aggiunta anche questa cosa all'esterno con gli altri cani e sento che più andiamo avanti più la situazione peggiora. Sento di non avere con lei lo stesso rapporto che avevo prima perché quando usciamo io sono molto agitata perché abbaia a tutti e sono in città quindi è impossibile non beccare persone,in più sono i condominio quindi è un casino perché abbai a chiunque vede nel palazzo. Prima non era cosi, abbaiava il minimo indispensabile e mai con aggressività. Ora invece fa paura anche a me e sento che questa cosa mi sta condizionando. Non posso portarla da nessuna parte, ne in un centro commerciale, né in un ristorante e al bar solo se prima l'ho fatta scaricare al parco. Mi informerò meglio per un nuovo educatore magari passo direttamente ad un comportamentalista
    Ieri 31 lug 2021
  • Fabrizio De Angelis ha risposto ad una domanda
    È normale.. la tengono un pò li sotto controllo e c è anche l’orario per le dimissioni e visite varie, che è proprio appunto di pomeriggio tipicamente verso 17 , 18
    10 giorni fa 22 lug 2021
  • A Fabrizio De Angelis piace un commento di Cristian Di Sacco
    okkk GRAZIEEE
    10 giorni fa 22 lug 2021
  • Fabrizio De Angelis ha risposto ad una domanda
    Se fai casalinga ti devi rivolgere ad un vet nutrizionista, mica chiedere qua in questo caso poi speciale!!! E secondo me non è una buona idea smettere il secco apposito!
    11 giorni fa 21 lug 2021
  • A Fabrizio De Angelis piace un commento di Dario Nuzzo
    Perché quella orribile catena al collo???poverino...
    12 giorni fa 20 lug 2021
  • Fabrizio De Angelis ha risposto ad una domanda
    Forse puoi evitare di mettergli la museruola, se non la sopporta e da segni di disagio se puoi evita. Detto ciò: per collare, evita di metterglielo e a seguire subito museruola! Devi ridare fiducia anzitutto col collare...poi sarà la volta della museruola. Tipo e misura ideale conta anche.. Tieni presente che se è stretta, come certi tipi appunto, fa fatica ad aprire bocca per ansimare col caldo d estate...per raffreddarsi! Non aver un fare prevenuto. Non dare l’impressione che lo vuoi “acciuffare”...per mettergliela. Lavora in modo graduale: lo chiami, senza tenerla in mano, con te accucciato a terra e la museruola a terra vicino a te. Quando il cane arriva incuriosito, la prendi in mano e appena la vede, la fiuta, mostra attenzione, la rimetti a terra e fai qualcosa che sai a lui piace molto.. un gioco, un esercizio piacevole di ricerca con boccone finale... una ricerca si te stesso in casa...quando arriva a te, lodalo e festa. Pian piano aumenti...alla prossima volta, tenendo la museruola in mano tra te e lui di fronte, gliela fai annusare... e gli dai bocconcino e feste. Basta. .. Prossima: gli puoi mettere un po’ di macinato dentro la museruola che cerchi e ci infili con piacere il naso! Poi guai ad approfittare e legarlo al volo! Errore enorme. Sempre per ora slegata... quando lo vedrai più fiducioso e addirittura gioioso per quella nuova marcatura emozionale che quell oggetto rappresenta... ovvero non di repressione,fastidio,disagio bensi un occasione.. per un maggior benessere, un vantaggio, un aggiunta di ..., allora potrai legarla. Con calma e pacato, ma posato e sicuro di te nelle azioni. Trasmetti fiducia.
    12 giorni fa 20 lug 2021
Devi effettuare il login per visualizzare questa sezione.