Cane che sporca in casa? Ecco la soluzione

Cane che sporca in casa? Ecco la soluzione

Anche se il cane è il miglior amico dell'uomo, è un animale simpatico, incline a vivere in branco (e di conseguenza anche in famiglia) e ad imparare come ci si comporta, non è l'animale più pulito del mondo. Un cane, a differenza di un gatto, sta anche nello sporco, e tende anche a sporcare, soprattutto per marcare il territorio.

Molti proprietari fanno in modo che, fin da quando prendono il cane, queste brutte abitudini vengano perse, ma per altri le cose potrebbero essere più complesse sia per motivi comportamentali (educazione inadeguata) sia per problemi fisiologici (come l'incontinenza).

Per evitare che il cane sporchi in casa, però, per fortuna esistono una serie di prodotti, pannolini e fasce, che possiamo utilizzare; in questo articolo vedremo che ne esistono molte tipologie e capiremo come si usano e qual è il miglior tipo per le nostre esigenze.

Mutandina Igienica per cani Femmina

Iniziamo da questo prodotto, che è il più comune per chi ha una femmina intera in casa. Se avete una cucciola, o non ne avete mai avuta una, quando l'avrete capirete il perché: anche lei ha un ciclo, il ciclo estrale, diverso ma per certi aspetti simile a quello mestruale delle donne.

Le mutandine per femmina si mettono alle gambe, come le nostre mutandine, e coprono gli organi riproduttori, impedendo di fare i bisogni, per cui vanno tolte quando la portiamo fuori a fare la passeggiata. Quando la cagnetta, due volte all'anno, ha il ciclo estrale, ce ne accorgiamo dal comportamento (è particolarmente incline a giocare e cerca i maschi): è arrivato il momento di mettere le mutandine.

Questo perché all'inizio del periodo fertile (e non alla fine del periodo fertile, come avviene per la donna), a causa dell'aumento di dimensioni della parete vaginale alcuni capillari si rompono, e lei ha un lieve sanguinamento, perde delle gocce ogni tanto. Senza le mutandine la casa sarebbe ben presto disseminata di goccioline di sangue, ed è per questo che vanno messe.

Delle mutandine di questo genere possono essere utili anche per evitare l'accoppiamento; non sono dei contraccettivi, perché il maschio potrebbe romperle, ma quantomeno se un maschio cerca di montare e noi proprietari siamo nei paraggi possiamo accorgercene ed allontanarlo.
Altro utilizzo di questo prodotto è poi l'incontinenza femminile, che si verifica quando le cagne, di solito anziane, perdono durante il giorno alcune gocce di urina.

Le mutandine non sono usa e getta, ma si possono abbinare a degli assorbenti igienici (che vedremo dopo) che si buttano, mentre le mutandine in questo modo si possono utilizzare ogni volta che ha il ciclo, lavandole e lasciandole riposte in un cassetto nel rimanente periodo dell'anno.

Assorbenti igienici per mutandine

Poche battute per gli assorbenti igienici, che si abbinano alle mutandine che abbiamo appena visto.

Costano poco, sono usa e getta e di solito un pacco riesce a coprire un ciclo e anche avanzare per quello successivo (il sanguinamento dura più o meno una settimana, nel cane).

Non danneggiano i tessuti, rispettano la cute del cane e quando si tolgono le mutandine vanno ovviamente tolti, sia che il problema fosse il sangue, sia che la causa fosse l'incontinenza urinaria.

Si possono acquistare da questa pagina dello shop.

Pannolini per cane femmina

Per concludere con il discorso relativo alle femmine, prima di passare ai maschi, parliamo anche dell'alternativa alle mutandine+assorbenti che sono i pannolini.

La differenza fondamentale è che i pannolini sono usa e getta, anche se sono a forma di mutandina; anche in questo caso una confezione riesce a coprire abbastanza tranquillamente la durata di un ciclo estrale, e l'applicazione è semplice: si mettono per la maggior parte del giorno e si tolgono quando il cane deve uscire e fare i bisogni, buttandoli.

È una soluzione adatta alle situazioni temporanee, e anche più igienica rispetto all'altra (perché non bisogna mai lavare nulla) ma più costosa: in base alla situazione conviene pensare all'una o all'altra soluzione; per il sanguinamento estrale, però, è da preferire l'altra combinazione, secondo me.

I pannolini femminili comunque si possono acquistare da questa pagina dello shop di Cani.it

Fascia igienica per cani maschi

Passando alla controparte maschile, per prima cosa vogliamo parlare di questa fascia igienica per cani maschi.

I maschi non hanno il problema del sanguinamento (ovviamente), ma condividono con le femmine l'eventuale problema dell'incontinenza e hanno alcuni problemi comportamentali, quello di marcare il territorio: alcuni cani, infatti, lo fanno in casa.

La fascia non copre ovviamente la parte posteriore del corpo, ma si avvolge all'addome del cane, praticamente premendo il pene sull'addome.

Questo significa che se il cane cerca di fare pipì, non gli sarà facile, e oltretutto se provasse ad alzare la zampa e marcare, non sarebbe una bella esperienza per lui.

È un modo un po' drastico ma efficace per togliere questo vizio, almeno in casa, e può servire anche come mezzo di addestramento; quando ovviamente si porta fuori, invece, va tolta per permettergli di fare pipì.

Nel caso di incontinenza, inoltre, per evitare di doverla sempre lavare, bisogna abbinarla (o sostituirla) ad un pannolino. La fascia igienica per cani si può acquistare da questa pagina.

Pannolini per cane maschio

E terminiamo con la controparte usa e getta (la fascia chiaramente è lavabile) del prodotto precedente: i pannolini per cane maschio.
La forma è sempre quella della fascia, ma con la differenza che in questo caso è usa e getta, ed è anche meno resistente.

È altamente assorbente, per cui nei casi di incontinenza è sicuramente da preferire all’altra, ma per l’addestramento non conviene, ed è meglio utilizzare la prima, anche perché può darsi che il cane debba tenerla per lunghi periodi (e la fascia assorbente è usa e getta, andrebbe cambiata sempre… e poi se non c’è nulla da assorbire non ha senso).

In ogni caso, se c’è necessità si possono anche usare in combinazione, nel caso in cui ci sia bisogno di dare capacità assorbente alla fascia che, di per sé, non ce l’ha.

Commenti

Devi effettuare il login per visualizzare questa sezione.