Alimentazione della cagna in allattamento

Alimentazione della cagna in allattamento

È importante alimentare la mamma in modo adeguato, durante l'allattamento dei piccoli.

Dal suo nutrimento dipendono l'ottimo sviluppo ed inoltre la salute della cagna stessa.

Ricordatevi che dopo aver partorito, la madre avrà bisogno di una doppia razione di cibo per ogni pasto (da adeguare con l'aiuto del veterinario al numero di nuovi nati che dovrà allattare), in modo da riuscire ad avere una degna alimentazione per tutti quanti e per se stessa.

Dopo la terza settimana, le sue dosi andranno addirittura triplicate. È importante che la cagna non perda troppo peso, anche se si stancherà e si affaticherà molto durante l'allattamento, soprattutto quando i cuccioli sono tanti.

La sua alimentazione andrà quindi arricchita di proteine, vitamine e grassi e dovrà poter bere molta acqua.

Il veterinario potrebbe consigliarvi inoltre di somministrare alla cagna degli integratori a base di calcio e fosforo. In mancanza, o carenza, di queste sostanze l'esemplare potrebbe ritrovarsi a soffrire di eclampsia con sintomi di agitazione, tremore e problemi di livello respiratorio.

Anche quando i cuccioli verranno svezzati (di solito dopo la sesta settimana di vita), sarà utile regolare l'alimentazione della cagna, ma si potrà ritornare pian piano alle razioni precedenti al parto.

Se il latte della cagna finisce troppo presto oppure non basta per sfamare tutti i suoi piccoli, sarà opportuno cercare un'altra madre che sia in grado di nutrire i cuccioli oppure, come nel caso degli esseri umani, è possibile somministrare ai cagnolini un altro tipo di latte.

In questi casi si consiglia di utilizzare del latte vaccino che però potrebbe non essere adeguato per alcuni di loro, causando dei problemi di digestione e/o problemi nello sviluppo del cucciolo.

Anche il peso dei piccoli è importante e va tenuto sempre sotto controllo insieme a quello della madre.

Commenti

Devi effettuare il login per visualizzare questa sezione.