Ossi di animali

  • Tossicità : (Grave con pericolo di morte)
  • Dose tossica : Bassa
  • Effetto : Breve termine
  • Molecole tossiche : Nessuna
  • Effetti Tossici : Perforazione

Dove si trova

Il rapporto tra i cani e gli ossi (si parla di ossi quando sono alimentari, ossa quando sono nell’animale/uomo) è molto particolare. La figura del cane che si mangia l’osso la abbiamo tutti ben impressa, ma non tutti gli ossi sono uguali.

Iniziamo con il dire che il problema è l’osso in sé, quindi non prodotti che ci sono a contatto o derivati (farina di ossa, anche se è rarissima) perché non ci sono molecole tossiche. Il problema è che un osso, in quanto struttura rigida, ha la possibilità di scheggiarsi e se lo fa rischia di perforare in qualche punto la parete gastrointestinale, causando peritonite.

In generale, gli ossi di animali grandi come il bovino o il suino non vengono mangiati dal cane ma solo rosicchiati, per cui le schegge sono così piccole da non creare problemi; gli ossi di animali piccoli, come il pollo ma ancora di più il coniglio sono pericolosi perché il cane li mette in bocca interi, li spezza in due e ingoia: sono dei veri e propri spunzoni nel suo apparato digerente.

 

Che cosa fa

Il problema degli ossi è la perforazione, che fa defluire il materiale, sporco, contenuto nell’apparato digerente in una cavità pulita e sterile come quella che lo contiene, che è il peritoneo; i batteri sempre presenti nell’apparato digerente entrano lì dentro e danno luogo ad una grandissima infezione, detta peritonite, che può portare addirittura a morte se non trattata.

Se vi state chiedendo perché, però, i cani selvatici riescano a mangiare lepri intere mentre quelli domestici no, il motivo è molto semplice: è una questione di abitudine. I nostri cani hanno abitudini alimentari piuttosto sofisticate e per il loro corpo l’ispessimento dell’apparato digerente non è una priorità; è per questo che gli ossi possono essere mortali per un cane di casa, innocui per un lupo.

La perforazione è un evento molto doloroso, per il cane, e non possiamo non accorgerci della sua presenza: il cane ha dolore, guaisce, non vuol farsi toccare la pancia e sta in una posizione particolare detta “a preghiera di musulmano”, che assume per far passare il dolore, per sentirne meno: deve essere immediatamente condotto da un veterinario.

 

Cosa fare e prognosi

In queste situazioni, l’unico modo per risolvere è l’intervento chirurgico, che permette di rimuovere il corpo estraneo che ha causato la perforazione.

L’intervento deve essere urgente, per via dell’infezione che aumenta molto rapidamente nel peritoneo e, quando è diffusa, rischia di penetrare nel circolo sanguigno quindi di diffondersi a tutti gli altri organi; l’intervento comprenderà quindi l’apertura dell’addome del cane e il lavaggio peritoneale, oltre che la rimozione del corpo estraneo ed, eventualmente, della parte di intestino danneggiato dallo stesso.

La ripresa, in una situazione del genere, è molto lenta e richiederà per diverse settimane un’alimentazione controllata ma anche una terapia antibiotica per scongiurare il ritorno di un’infezione peritoneale: la prognosi, con l’intervento chirurgico, di solito è favorevole ma molto dipende dal tempismo che abbiamo avuto.

Per evitare questa situazione bisogna fare attenzione a fornire ossi al nostro cane: se li diamo, assicuriamoci che siano grandi abbastanza per far sì che debba rosicchiarli, e che non possa ingerirli in un boccone. In generale, evitiamo di fornirgli quelli dei piccoli animali.

Fonte:
Fossum T.W., Small Animal Surgery, quarta edizione, DVM, MS, PhD, Dipl, ACVS, 2000.

Hai avuto delle spiacevoli esperienze con questa sostanza?

Raccontaci la tua storia, potrebbe salvare la vita di altri piccoli malcapitati.

Ti è piaciuta la notizia, hai dei suggerimenti? Esegui il login per commentare!
Login
Prodotti consigliati
-10%
€ 24.21 € 26.90
-10%
€ 19.80 € 22.00
-10%
€ 19.80 € 22.00
-15%
€ 27.00 € 31.80
Devi effettuare il login per visualizzare questa sezione.