Tutte le regole da rispettare quando si porta il cane a passeggio

Tutte le regole da rispettare quando si porta il cane a passeggio

Quando portiamo il nostro cane a passeggio, indipendentemente dalla taglia del cane, cosa che molto spesso si dimentica, esistono delle regole da rispettare che non sono regole dettate da chissà quale fantasia ma dal semplice buon senso.

Prima di parlare delle regole, specifichiamo che, grande o piccolo che sia, il nostro cane può provocare fastidio o paura.

Le persone che davvero hanno paura dei cani non fanno distinzione fra cani grandi e cani piccoli: le persone che hanno paura, davvero paura, dei cani, hanno paura indistintamente di tutti i cani.

Oltre a questo, ricordiamoci sempre che il nostro cane, anche se piccolo, è un cane e come tale si comporta anche nei confronti dei cani di diversa dimensione: se il nostro barboncino ringhia ad un rottweiler, non possiamo lamentarci perché anche il rottweiler ringhia.

La buona educazione quindi è la prima regola: buona educazione canina ed umana. Sta a noi evitare situazioni che potrebbero essere dannose, sta a noi ricordarci di ripulire sempre i bisognini dei nostri cani.

Passando alle regole scritte, la prima in assoluto è quella di pulire dove il nostro cane ha sporcato. Esistono sacchettini di moltissimi misure, porta-sacchettini e palettine di cartone, molti comuni danno i sacchetti appositi per la raccolta delle feci che andranno ovviamente messe nel cestino della spazzatura.

Se è estate, non esiste nessuna regola scritta, ma il buon senso suggerisce di evitare di buttare le feci del nostro cane nel cestino, ad esempio, proprio fuori della gelateria.

I cani vanno tenuti al guinzaglio, sempre, se non nelle apposite aree di sgambamento. Il guinzaglio, sebbene ne esistano in commercio e vengano venduti, non deve essere un guinzaglio a scorrimento ma un guinzaglio a lunghezza fissa: dobbiamo sempre sapere a che distanza da noi può arrivare il nostro cane.

Non esiste nessuna regola scritta, ma il buon senso lo impone: siccome non vediamo nel futuro né riusciamo a vedere oltre gli angoli, quando siamo a passeggio teniamo il cane al piede; eviteremo sorprese che possono rivelarsi sgradevoli per noi, per il nostro cane, per altri.

Inoltre, è proprio quando siamo a passeggio che possiamo goderci davvero la compagnia del nostro cane: consideriamo il guinzaglio una appendice del nostro braccio, un modo per tenere il nostro cane per mano e verrà naturale tenerlo di fianco a noi.

Nei luoghi affollati, i cani devo essere dotati di museruola. Anche se “luogo affollato” è una definizione alquanto vaga, sta a noi sapere quando è il caso di utilizzare la museruola.

È sicuramente obbligatorio, quando possono salire, nei mezzi pubblici. Non sono esentati i cani di piccola taglia, ma ovviamente se abbiamo un cane di dimensioni maggiori, sarà più facile che crei timore nelle persone. Non c’è scritto da nessuna parte, ma facciamo attenzione noi per primi alle persone, in modo da evitare di trovarci, noi ed il nostro cane, in situazioni sgradevoli che potrebbero avere strascichi anche seri.

Le regole scritte sono in realtà molto poche: raccogliere sempre i bisogni del proprio cane, tenere il cane al guinzaglio se non nelle apposite zone di sgambamento, portare sempre appresso la museruola e mettere la museruola nei luoghi affollati, entrare solo nei locali o sui mezzi in cui è permesso andare con i cani i cani.

Esistono poi regole non scritte, ma che devono essere tenute in considerazione per rispetto degli altri e per non imporre, anche al nostro cane e non solo a noi, situazioni sgradevoli.

Se vediamo di non essere graditi, se vediamo che alcune persone temono i cani, non tentiamo di imporci ad ogni costo: non è una gara ed è controproducente anche per l’immagine che le persone hanno dei cani il voler a tutti i costi imporre una presenza non gradita. Ben diverso è se invece ci viene limitata una libertà personale o se veniamo in qualche modo infastiditi.

Non lasciamoci intimidire, ma non tentiamo di imporre a tutti i costi il nostro amico a quattro zampe: l’effetto, deleterio, è che rabbia e tensione vengono percepiti in maniera chiara e netta dal nostro amico e sarebbe controproducente.

Gli insegneremo che le persone sono qualcosa di sgradevole, il che non è ovviamente sempre vero.

Commenti

Devi effettuare il login per visualizzare questa sezione.